Il tram delle sei

L’acqua. Alla base di tutto c’è l’acqua. Fredda o calda non importa…Forse non l’avevi mai notato ma è dall’acqua che nasce la schiuma: è l’acqua alla base di tutto. Poi ci sono gli occhi aperti, lo sguardo alle insidie possibili, un po’ di vento che ti entra nel naso, ché la bocca è meglio tenerla chiusa la mattina, e il resto è velocità, precisione e capacità d’esecuzione. L’overture è del primo violino. Il suono, l’opera, inizia da sinistra. Il ritmo incalza, si contaminano le percussioni. Altra acqua. Aumenta la velocità d’esecuzione. L’opera si svolge, traina sempre di più, coinvolge, si intravede già il risultato.
Guardi lo specchio, un’ultima sciacquata. Poi ti asciughi. Non hai più la barba*: sei cresciuto, sei una persona nuova.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


* tutto sto mezzo sogno perché ultimamente questo pezzo, che profuma d’inverno, mi accompagna la mattina quando mi incateno fra specchio e rasoio.

About the author

Leggo, scrivo e svolgo altre interessanti funzioni fisiologiche. Ci sono infiniti modi per farvi i fatti miei su internet, ma blindbend è sicuramente il più facile e completo in circolazione. Scrivo di me, ma soprattutto per me e se poi piace anche a voi sono ancora più contento.