Chewingum [live report]

Arriviamo al metricubi che c’è già il loro pubblico, il pubblico che c’è sempre ai concerti dei chewingum, a qualsiasi latitudine suonino:  colorato, estivo, femminile, morbido e lieve, ed è divertente il fatto che sono le parole che userei per descrivere la loro musica , così come il fatto che sono arrivati in laguna in quei tre giorni di estate dentro marzo come quando le nonne dicono ai bambini che le cose belle portano il sole. Avevo appena scoperto che la ragazza sicilana di un mio amico bolognese aveva conosciuto in cina un mio amico del liceo e che un’amica pugliese di un altro mio amico  sardo conosceva maria antonietta via dario brunori e stavo pensando che il mondo è davvero piccolo quando bontà di dio è cominciato il concerto e “nilo” il loro disco-fiume mi ha di nuovo ripreso e mi ha di nuovo fatto pensare: il mondo è grande. E oltre a essere grande è profumato lussureggiante pieno di storie e promesse, tenero e romantico. Poi quando è partito il neorealismo del lunedì la gente ha cominciato a ballare ed è stata una festa di quelle che vorresti partecipassero tutte le persone della tua vita. E Anna è una scintilla sussurrata a fine concerto da una delle voci più belle e intense oggi in italia, è un ricordo prezioso da conservare.

Potete ascoltare qualche pezzo chewingum da qui. E potete anche scaricare questo loro album (in free download) da bandcamp 🙂